Sezione Salentina - AIUCD 2022 – Unisalento. Culture digitali-intersezioni: filosofia, arti, media

-

Societŕ Filosofica Italiana

>Visualizza locandina pdf con il programma completo

Descrizione dell'evento
Per l'A.A. 2022, il Centro DH dell'Unisalento è risultato vincitore della call per ospitare il Convegno Annuale dell'AIUCD-Associazione di Informatica Umanistica e Cultura Digitale. AIUCD è la maggiore associazione italiana del settore, promuove e diffonde la riflessione metodologica e teorica, la collaborazione scientifica e lo sviluppo di pratiche, risorse e strumenti condivisi nel campo dell'informatica umanistica e nell'uso delle applicazioni digitali in tutte le aree delle scienze umane, oltre a favorire la riflessione sui fondamenti umanistici delle metodologie informatiche e nel campo delle culture di rete. AIUCD fa parte del circuito internazionale delle EADH-European Association Digital Humanities e membro di diritto dell'ADHO - Alliance of Digital Humanities Organizations.
Le ultime due conferenze annuali si sono svolte rispettivamente presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (2020) l'Università degli Studi di Pisa (2021).
Si tratta quindi di un convegno annuale che dà prestigio alla nostra comunità e che rappresenta per tutti noi occasione di crescita e confronto a livello internazionale, sostenuto anche dal Centro DH.
A fine giugno, come consuetudine, sarà aperta una call for participations, a chiusura della quale, in settembre, sarà possibile definire il programma del Convegno in tutti i suoi particolari.
Il Convegno sarà aperto dalla lectio inauguralis del Prof. Luciano Floridi - professore ordinario di filosofia ed etica dell'informazione presso l'Oxford Internet Institute dell'Università di Oxford, dove è direttore del Digital Ethics Lab, nonché professore di Sociologia della comunicazione presso l'Università di Bologna - e sarà chiuso dalla conferenza del Prof. Maurizio Ferraris, professore ordinario di filosofia teoretica presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Torino e noto studioso della documedialità.
Nella giornata del 18 gennaio avrà luogo un workshop, che prevede alcuni stand di presentazione di progetti di cultura digitale.